M21/MAMEE Armament Subystem

Oggi vado ad aggiungere una nuova scheda alla sezione armamenti per elicotteri. Questa volta vi parlero’ di un sistema d’arma familiare a molti piloti o ex piloti di Huey dell’Esercito Italiano: l‘M21/MAMEE.

m21mamee

Negli anni ’60 e ’70 la  Emerson Electric Company di St. Louis (Missouri) fu una delle aziende piu’ attive nel settore degli armamenti per elicotteri. Dopo aver sviluppato per l’UH-1 i sottosistemi d’arma M6 (quattro mitragliatrici M60 binate) e M16 (quattro M60 + lanciarazzi a 7 tubi da 70mm), la Emerson decise di passare alle ben piu’ efficaci gatling. Il primo complesso nato dal nuovo corso fu il sottosistema M21, composto da una coppia di General Electric M134 Minigun su supporti flessibili e due lanciarazzi da 70mm a sette tubi. L’M21 ebbe largo impiego durante la Guerra del Vietnam e venne inoltre esportato in numerosi paesi.

L’M21/MAMEE (Meyer Ammunition Module, Emerson Electric) e’ un derivato dell’M21. L’unica differenza rilevante risiede nel tipo di contenitore delle munizioni. Mentre nell’M21 queste ultime sono alloggiate in un complesso di cassette interconnesse fra loro posizionato dentro la cabina, nel MAMEE i colpi si trovano in una coppia di pod cilindrici esterni montati direttamente sopra i supporti dell’M21 stesso.

mameepod

I supporti del sottosistema  M21 sono noti come Mount Multiarmament, XM156 (disegno in basso).

m156mount

Qui di seguito sono riportate le caratteristiche del pod:

Lunghezza: 1420 mm
Diametro: 280mm
Capacita’: 3000 colpi calibro 7,62 NATO
Peso vuoto: 27.2 kg
Peso carico: 113 kg

Quindi ogni Huey imbarca un totale di 6000 colpi.

L’intero sistema – lanciarazzi esclusi – pesa circa 256 kg a vuoto e 558 carico.

Il supporto flessibile di ogni Minigun assicura un angolo di traversa interno di 12° ed esterno di 70°. L’elevazione e depressione sono invece rispettivamente +15° e -90°. Ecco una tabella esplicativa con gli angoli di fuoco:

minigunanglem21

Miniguns

Minigun, lato destro e sinistro. Quest’arma fu sviluppata dalla divisione armamenti della multinazionale General Electric nella prima meta’ degli anni ’60. Pur con le ovvie differenze, si tratta nell’essenza di una versione in scala ridotta calibro 7,62 NATO del cannone aeronautico M61A1 Vulcan da 20mm. La cadenza di tiro e’ disponibile in due modalita’: 2000 o 4000 colpi al minuto, anche se potrebbe agevolmente arrivare fino a 6000.  L’arma e’ azionata elettricamente mediante un motore da 28 volt a corrente continua (DC). La portata pratica massima e’ attorno ai 1000 metri.

Qui di seguito le dimensioni e i pesi:

– Lunghezza: 801mm
– Lunghezza canna : 559mm
– Peso dell’arma completa di motore e feeder/delinker: 30 kg

Nell’US Army la Minigun e’ designata M134, mentre nell’US Air Force GAU-2/A. La General Electric ha cessato di produrre quest’arma nella prima meta’ degli anni Settanta dopo averne costruite oltre 10 mila.

La Minigun oggi viene prodotta dalla Dillon Aero, una societa’ dell’Arizona che commercializza una variante rivista e migliorata nota come M134D. Entrambi i modelli sono attualmente in uso nell’Esercito Italiano a bordo degli elicotteri AB 205, AB 206 (GE) e NH90 (Dillon Aero).

LANCIARAZZI

L’M21/MAMEE e’ compatibile con vari modelli di lanciarazzi: l’M157, L’M158 e l’M260, tutti e tre a sette tubi, e l’M200 e l’M261 a 19 tubi (questi ultimi raramente  montati assieme alle Minigun per ragioni di peso).

M21rocketstable

Nella tabella in alto potete vedere le tre razziere piu’ diffuse fra gli anni ’60 e gli anni ’80. Da notare che l’M157 e l’M200 sono stati in seguito sostituiti rispettivamente dai dall’ M260 e dall’M261 (esteriormente identici ai predecessori, salvo alcune differenze in termini di peso, costruzione e caratteristiche).

Gli M157, M158 e M200 sono nati per sparare razzi tipo Mk. 4/40 FFAR (Folding-Fin Aerial Rocket) da 2,75 pollici (70mm), nell’USAF conosciuti anche come Mighty Mouse. Il Mk 4 nacque in origine come arma aria-aria, ma a partire dalla seconda meta’ degli anni cinquanta esso fu gradualmente abbandonato a favore dei missili come il Falcon e il Sidewinder. In seguito la Marina e l’Esercito USA lo rielaborarono come arma aria-superficie, sviluppando un gran numero di testate e spolette.

Ogni razzo si compone da tre parti principali: il motore Mark 40,  la testata e la spoletta. Al motore a razzo possono essere abbinate testate di vario tipo: ad alto esplosivo (M151), HEAT/HEDP (M247), al fosforo bianco (M156), con flechettes (WDU-4/A), submunizioni (XM80 e 99), illuminanti (M257) e cosi’ via. Ad ogni testata e’ associata una spoletta, che puo’ essere “ad impatto” (es. M423), oppure “airburst” (M442) o “proximity airburst” (M429).

rocket70

Data la varieta’ di testate, ogni razzo ha peso e dimensioni lievemente differenti. Un Mk 4 con testata M151, per fare un esempio, ha una lunghezza di 138 cm e un peso di 10,4 kg.

I razzi da 70mm hanno una portata massima teorica attorno agli 8 km, ma nei fatti quella pratica non oltrepassa i 2-3 km, che possono scendere fino a 500/1000 m in caso di pinpoint target o piu’ in generale se si vuole ottenere un apprezzabile grado di precisione. Essendo armi a traettoria balistica, i razzi Mk 4 sono privi di qualsivoglia sistema di guida e di conseguenza la precisione diminuisce con la distanza (e nemmeno di poco). Quest’ultimo fattore va tenuto in considerazione sopratutto quando si opera in presenza di truppe amiche nell’area di operazioni al fine di evitare spiacevoli casi di blue on blue (fuoco amico).

L’area d’impatto della salva di razzi e’ subordinata alla distanza e alla ripidita’ dell’angolo d’attacco. Tanto maggiore sara’ quest’ultimo, tanto piu’ i razzi raggiungeranno terra in modo raggruppato e preciso. Il gunner solitamente lancia due razzi per volta (uno per lanciatore), ma se necessario e’ possibile scaricare l’intera dotazione razzi (14 nel caso del’M21) in un’unica salva.

Per quanto riguarda invece la letalita’, una tipica testata HE a frammentazione ha un casualty radius attorno ai 50/60 metri.

A partire dagli anni ottanta questa generazione di razzi e’ stata progressivamente soppiantata dalla serie Hydra 70, basata sul piu’ performante motore a razzo Mk 66. La compatibilita’ con le precedenti testate resta in ogni caso garantita.

CONGEGNI DI MIRA

I congegni di mira dell’M21/MAMEE sono gli stessi dell’M21 base, ossia un mirino reflex tipo M60 per i lanciarazzi, piu’ una sighting station M6 per il puntamento e il controllo delle due Minigun.

sights

Nella tabella
A sinistra, il mirino reflex M60; a destra, la sighting station M6.

sightsm21

m6ss

Un’immagine della sighting station M6 in posizione estesa.

cockpitsight

Ecco come si presentano i due congegni di mira M6 e M60 nel cockpit di un UH-1. L’M60 e’ qui in posizione ripiegata.
(Art by Steve Noon/Osprey Publishing)

panelcockpitweapIntervallometro, Pannello Armamenti e maniglia per lo sgancio manuale d’emergenza dei carichi bellici (jettison handle)

m21mamee2

M21/MAMEE dell’Aviazione dell’Esercito Italiano (Aves) a bordo di un AB 205. Questa Minigun monta il cosiddetto bullet trap, una sorta di cappuccio di sicurezza blindato che viene applicato durante le operazioni di manutenzione, hot-gun clearing, o in tutte quelle occasioni in cui la mitragliatrice potrebbe essere armata, ma non in uso. Il lanciarazzi e’ l’anziano M158A1, sviluppato nei primi anni Sessanta e impiegato nel lungo conflitto in Vietnam. L’Esercito Italiano e’ uno degli ultimi utenti ad usare l’M21/MAMEE e l’unico a montarlo nei Model 205. Le forze armate USA hanno radiato l’M21 negli anni ottanta (all’epoca era in servizio nella sola Guardia Nazionale).

m21dx

M21 MAMEE: complesso dx su carrello
(SOURCE)

M21MAMEE2Vista frontale.

m21mogAB 205 dell’Aves con M21/MAMEE in volo sopra Mogadiscio, in Somalia.

m21base

In questa foto, scattata in Vietnam, e’ possibile vedere il sottosistema M21 originale, privo dunque del pod cilindrico e con il nastro munizioni che porta al contenitore dentro la cabina.

Una Risposta

  1. Marco

    Aleks, sei l’indiscusso maestro pornografo del military porn😛

    complimenti!

    febbraio 16, 2014 alle 2:48 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...