Articoli con tag “bombers

[VIDEO] Lanciata l’ultima bomba M117

m117

Onestamente non credevo che ce ne fossero ancora in circolazione. Nei depositi munizioni oltreoceano intendo. E invece qualche giorno fa hanno lanciato l’ultima delle bombe M117 rimaste negli stock di Andersen AFB, a Guam. Clip di rito:

Ordigno storico, la a 117 da 750 lbs (340 kg) e’ stata in servizio sin dagli anni ’50 e imbarcata su un gran numero di caccia e bombardieri. Maggiori info QUI.


Gatling Man

gatlingmanDopo la Gatling Gal, e’ il turno del Gatling Man. Questa volta abbiamo a che fare con un ben piu’ potente M61A1 Vulcan da 20mm montato nella coda di un bombardiere B-52H. Quest’arma fu rimossa da tutte le Stratofortezze nella prima meta’ degli anni ’90. Sigh e sob! ­čÖé


[GALLERY] Bombardieri Sudisti (was: This is LA, not L.A.)

Dove per LA, s’intende il codice ANSI della Louisiana, stato del profondo Sud che ospita la famosa base aerea di Barksdale, una delle poche oggi a operare con bombardieri strategici. Nella foto in basso, scattata da Christopher Ebdon nel Maggio 2011, vediamo una coppia di B-52H Stratofortress (61-006, Old Soldier II e 60-008 Lucky Lady IV) e un solitario B-2A Spirit (82-1069 “Spirit of Indiana”).

southerbombers

Il B-2A e’ ovviamente il guest della situazione, visto che Barksdale AFB ospita solo bombardieri B-52, assegnati a ben cinque Squadron.

L’unita’ principale e’ il 2nd Operation Group (OG), che fa a capo all’Air Force Global Strike Command. Le pedine operative del 2nd OG sono l’11th Bomb Squadron (striscia di coda color oro), il 20th Bomb Squadron (blue) e infine il 96th Bomb Squadron (rosso). Gli aerei di questi tre reparti portano il Tail Code “LA”.

Abbiamo poi il 307th Bomb Wing (BW) dell’Air Force Reserve Command con altri due Squadron: il 93rd (coda blue/oro a scacchi) e il 343rd. Quest’ultima unita’ e’ stata riattivata appena tre anni fa dopo un “letargo” che durava dal 1966 (all’epoca operava┬ácon B-47E Stratojet da Lincoln AFB, nel Nebraska). Il Tail Code in questo caso e’ “BD”.

bombwing

Dulcis in fundo, a Bark e’ anche presente un sesto reparto di volo operativo. Si tratta del 47th Fighter Squadron (FS) equipaggiato con l’A-10C Thunderbolt II. Il 47th FS fa parte del 917th Fighter Group, unita’ con il quartiergenerale presso la base aerea di Robins, in Georgia. Come il 307th BW, anche il 917th FG e’ subordinato all’Air Force Reserve Command e ha assegnato il Tail Code “BD”.

barksdaleafb

Ubicazione geografica di Barksdale Air Force Base. La grande citta’ piu’ vicina e’ Shreveport (400 mila abitanti)

bark2

bark3

B-52H a prendere il sole sul bollente tarmac di Barksdale.

PER CELEBRARE GLI 80 ANNI DI BARKSDALE, HO PREPARATO UNA SELEZIONE DI IMMAGINI SCATTATE ALL’INTERNO DELLA BASE –

bark4

USAF photo

bark5

USAF photo

bark6

USAF photo

bark7

USAF photo

bark8

USAF photo

bark9
Manutenzione delle turboventole
(Photo: USAF)

bark91

Pancino pieno di ALCM (Air Launched Cruise Missile)
(Photo: USAF)

bark92

Caschi di volo
(Photo: USAF)

bark93

B-52H dentro una struttura dedicata al controllo della corrosione
(Photo: USAF)

bark94

Quest’anno Barksdale compie 80 anni. La base nacque nel lontano 1933. Allora era equipaggiata con caccia Boeing P-12 (a sinistra)
(Photo: USAF)

bark95

Ecco come si presentava dall’alto otto decenni fa.
(Photo: USAF)

bark96

Turboventole Pratt&Whitney TF33, denominazione militare delle JT3D. Il B-52H fu l’unico BUFF equipaggiato con questi motori
(Photo: USAF)

bark97

B-52H pronti al decollo

bark98

The Big Stick e’ uno dei BUFF di stanza a Barksdale.
(Photo USAF)

bark99

This ain’t no disco / It ain’t no country club either / This is LA! ­čÖé
(USAF Photo)

bark991

Decollo di un BUFF
(USAF photo)

bark992

Altro decollo
(USAF photo)

bark993

B-52 al pascolo (click to enlarge)
(USAF photo)

bark994

Operazioni notturne
(USAF photo)

bark995

Paracadute frenante
(USAF photo)

bark996

Fate cheeese ­čÖé
(USAF photo)

bark997

Night shift
(USAF photo)

bark998

Take Off!
(USAF photo)

barks999

Landing! In primo piano una coppia di F-15E provenienti dalla base di Seymour-Johnson (Tail Code SJ)
(USAF photo)

bark9991

Armieri preparano bombe guidate
(USAF photo)

barkz1

B-52H con il suo poderoso carico bellico (click to enlarge)
(USAF photo)

barkz2

L’inconfondibile sagoma della Stratofortezza
(USAF photo)

barkz3

B-52 durante le esercitazioni Combat Hammer
(USAF Photo)

barkz5

Restauro di un vecchio B-52D al locale e ben fornito museo
(USAF photo)

barkz6

B-52 al tramonto
(USAF photo)

barkz7

Ispezione di una gondola motori
(USAF Photo)

barkz8

Volevo scrivere “Old and New”, ma poi ho pensato: il B-17 ha volato nel 1935 e il B-52 nel 1952! Sono entrambi Oldie! Oldie but Goodie! ­čÖé
(USAF photo

bar1

La 96th Aircraft Maintenance Unit “Red Devils”. Senza questi ragazzi i BUFF non potrebbero alzarsi in volo!
(USAF photo)

bar2

Alcune signorine aviatrici di Barksdale
(USAF photo)

bar3

Altro bel tramonto della Louisiana… aaahhhh…
(USAF photo)

bar4

Semplice, sobrio, pulito, coriaceo… e letale!
(USAF photo)

bar6

Old Glory al vento.
(USAF photo)

bar7

Ole’! Qui si che posso dire “Old and New” ­čÖé
(USAF photo)

bar8

Bombardieri Russi Tu-95 Bear in visita a Barksdale nel 1992
(USAF photo)

bar9

Foto aerea di Barksdale. Notare nella prima fila gli aerei appartenenti al museo (click to enlarge)
(Photo: AV8PIX Christopher Ebdon)


Bombardieri cinesi sopra lo stretto di Miyako

h6g

Nel corso della mattina di ieri, una coppia di bombardieri Xian H-6G della People’s Liberation Army Air Force e’ stata intercettata da F-15 Eagle delle forze aeree giapponesi (JASDF) sopra lo spazio aereo dello Stretto di Miyako, fra le isole di Miyako e Okinawa. L’H-6 ├Ę un bombardiere strategico a medio raggio derivato dal Tupolev Tu-16 Badger Sovietico degli anni ’50. Nella foto in alto uno degli H-6 intercettati ieri (Credit: Japan MoD).

Maggiori informazioni sulla vicenda le potete trovare al seguente link:

http://www.wantchinatimes.com/news-subclass-cnt.aspx?id=20130909000089&cid=1101

mapstreetmiLa rotta degli H-6
(Source: Japan MoD)

Tg giapponese
(TBS News)


Piaggio P.108B Aircrew & Groundcrew

p108_crews

Una bella immagine di un Piaggio P.108B della 274a Squadriglia con equipaggio di volo e di terra al completo. Questo fu l’unico bombardiere pesante italiano in qualche modo comparabile ai primi quadrimotori da bombardamento pesante Alleati, come il B-17 Flying Fortress. Molto interessante era il sistema di armamento difensivo, che comprendeva 6 mitragliatrici pesanti da 12,7 e un paio da 7.7. Quattro delle 12,7 erano installate in due postazioni telecomandate sulle gondole motori esterne, come e’ possibile vedere nella foto in basso.

p108turr

Ecco cosa scrive Giancarlo Garello sulla sua monografia intitolata “Piaggio P.108”:

L’armamento di lancio era costituito da due torrette Breda tipo ┬ź Z2 ┬╗┬ádisposte sui motori laterali con due armi calibro 12,7┬ácomandate a distanza da apposite centrali di tiro, da due armi laterali┬áda 7,7 brandeggiabili a mano e da una torretta retrattile Breda tipo ┬źG┬╗ con arma da 12,7. Le torrette Z2 disponevano ciascuna di un impianto┬áidraulico indipendente; il motore muoveva nella centrale di tiro la┬áleva di comando di un distributore, facendo affluire olio in pressione┬ánel servo-motore che muoveva la centrale nel senso voluto. I movimenti┬ádella centrale di puntamento venivano trasmessi mediante una┬átrasmissione meccanica rigida al distributore del servomotore della┬átorretta che veniva cos├Č a muoversi in perfetto sincronismo con la┬ácentrale. Ogni torretta disponeva di 600 colpi.┬áLa mitragliatrice inferiore montata su torretta Breda tipo G,┬áoccultabile, comandata idraulica mente sia in brandeggio che in┬áelevazione, era fissata su un anello posto nel ventre della fusoliera.┬áLa manovra di saliscendi era azionata da due martinetti idraulici.┬áL’arma disponeva di 450 colpi. Le due 7,7 laterali erano montate su sospensione cardanica. I settori di tiro erano di 70┬░ di brandeggio con elevazione variabile da 0┬░ a + 25┬░ oppure a 35┬░. Disponevano di 400 colpi ciascuna. L’occultamento era ottenuto mediante due persiane avvolgibili composte di liste di dural e plexiglass attraverso le quali, il mitragliere poteva controllare quanto avveniva esternamente e quindi entrare in azione al momento opportuno.

torrette108

torrettaven108


[WHIF] Boeing B-62D Jumbo Fortress – Second Cold War

[ CLICK TO ENLARGECLICCA PER INGRANDIRE ]

Mentre cercavo alcuni files su un vecchio DVD, ho miracolosamente ritrovato questo profilo che feci un paio di annetti fa.

Ho sempre sognato di vedere un Boeing B747 versione bombardiere con le insegne del SAC, cosi’ una domenica mattina mi sono messo a pastrocchiare un po’ con Photoshop e Illustrator. Il risultato lo vedete voi stessi: un cazzutissimo B-62D Jumbo Fortress! OK, lo ammetto, il nome non e’ dei piu’ originali, ma tant’e’… ­čÖé

Come potete notare, su questo profilo mi sono preso parecchie licenze (eufemismo). A parte la malsana idea del Jumbo Bomber, e’ possibile notare alcuni dettagli alquanto improbabili. Ad esempio le torrette ventrali e dorsali sono del B-17, ma al posto della solita coppia di Browning, ho preferito montarci dei piu’ moderni e letali cannoni M61A1 Vulcan da 20mm. La torretta sul muso e’ invece quella di un B-24 Liberator, mentre la postazione di coda appartiene a un B-52H. Ho anche aggiunto un paio di bolle in perspex, giusto per conferire un ulteriore tocco vintage (che non guasta mai!). Infine, sotto il muso, e’ possibile scorgere i “blisters” con il FLIR dei B-52G e H.

Utilizzando elementi presi da varie epoche (’30-’60 principalmente), volevo dare al profilo un feeling un po’ retro’ e marziale, ma senza esagerare.

Questo particolare B-62D porta le insegne del 397th Bombardment Wing (596th BS), un’unita’ da bombardamento realmente esistita e che ha operato con le Stratofortezze dal 1963 al 1968. Questo reparto di volo era distaccato presso Dow AFB, nel Maine, vicino all’estremo confine sudorientale del Canada.

La colorazione e’ in alluminio e grigio opaco con le superfici inferiori in bianco riflettente, tipica dei bombardieri degli anni ’50 e ’60.

L’aereo e’ riccamente decorato e porta le insegne ad alta visibilita’, come si usava durante i primi due decenni della guerra fredda. La decorazione piu’ vistosa e’ data dall’arcinoto emblema del Strategic Air Command dipinto sopra la fascia stellata di colore blu scuro. La coccarda di nazionalita’ e’ un mix fra quella in uso negli anni trenta (mitico Red Dot!) e quella introdotta dopo la 2a guerra mondiale.

Questo particolare Jumbo Fortress l’ho battezzato “Filthy Carpetbagger” (se non conoscete il significato di questo termine, cliccate QUI). Perche’ proprio Filthy Carpetbagger? Per varie ragioni che non sto a spiegare, ma sopratutto perche’ suonava bene! Nel muso, accanto al nickname, e’ dipinta la cartina dello stato del Maine.

E ora veniamo all’armamento di lancio. Qui ho proprio esagerato. Inizialmente avevo deciso di fare l’aereo con le due stive bombe chiuse, ma in seguito ho pensato di spezzare le linee mostrando i portelloni a saracinesca aperti. Siccome non mi andava di illustrare ALCM e iron bombs, ho pensato bene d’inventarmi su due piedi una nuova arma: l’ALPM, ovvero Air Launched Pershing Missile! In pratica un missile nucleare Pershing aviolanciato! Se dobbiamo farla la cazzata, facciamola bella grossa, no? ­čśÇ

Bon, per ora e’ tutto. Se avete domande, suggerimenti… beh, domandate e suggerite!

see ya!
A.


I Like Ike!

Il pilota collaudatore della Boeing Alvin M. ‘Tex’ Johnston posa con il Presidente Eisenhower accanto a uno dei prototipi del bombardiere Stratofortress (1953)