Articoli con tag “movies

Immagine

Steal This Board

stsb


[VIDEO] Il Generale vs Il Bandito

Dodge Charger vs Pontiac Trans Am

Just good ol’ boys…


Air America – scatti e musiche dal set

aaposter

THE FEW, THE PROUD, THE TOTALLY INSANE

Turbo Porter, C-123 Provider, C-46, S-58T, Huey, Bird Dog, HS.748 sono gli aeromobili che in questo film la fanno da padrone. Per gli appassionati di aviazione, stanchi dei soliti aerei da combattimento, Air America (1990) rappresenta un interessante diversivo, anche per via del soggetto, unico nel panorama dei film bellici ambientati durante il lungo conflitto del Sud Est Asiatico. Certo, non la possiamo definire una pellicola di pregio, ma le sequenze aeree, i panorami mozzafiato e la strepitosa colonna sonora (Aerosmith, Fontella Bass, Steely Dan, The Seeds etc) rendono il tutto piuttosto godibile. Almeno se siete dei bocca buona come il sottoscritto 🙂

aa1

I piloti di Air America: da sx:

Gene Ryack (Mel Gibson); Saunders (David Bowe); O.V. (Marshall Bell); Neely (Art La Fleur); Babo (Tim Thomerson); Billy Covington (Robert Downey Jr.) e Pirelli (Ned Eisenberg). Sullo sfondo possiamo notare un Fairchild C-123 Provider.

welclaosLadies and Gentlemen… welcome to Laos!

au23ad3Fairchild AU-23A Peacemaker. Basato sul Turbo Porter, l’AU-23 nacque in origine come aerocannoniera light nell’ambito del programma USAF Credible Chase (1971). L’armamento si componeva di un cannone gatling M197 da 20mm installato nel portellone e di vari armamenti di caduta montati su 4 punti di attacco subalari (bombe, lanciarazzi, napalm). Venti di queste macchine finirono alle Reali Forze Aeree Thailandesi.

panzadd3

Atterrare di panza comporta qualche rischio, specialemente se nelle vicinanze pascolano bufali

dkieodlOoops…

c123dwd

C-123K durante la scena girata alla immaginaria pista d’atterraggio abbandonata giapponese conosciuta come Tango 7. Questo specifico Provider fu in origine in servizio nell’US Air Force come C-123B matricola 54-0671. Radiato dall’aeronautica USA, nella seconda meta’ degli anni ’60 servi’ nell’Air America con base a Vientiane (Laos), e in seguito anche nella Reale Aeronautica Laotiana (RLAF) e nella Reale Aeronautica Thailandese (RTAF), che lo impiego’ fino agli anni ottanta. Beh, come potete vedere ha concluso la carriera con il botto 🙂

aa2

Mel Gibson ripreso dentro l’abitacolo di un C-123.

La produzione noleggio’ un totale di 26 aeromobili dalla Reale Aeronautica Militare Thailandese. Alcuni stunt pilot si rifiutarono di volare nelle scene piu’ ardite e pericolose, cosi’ dovettero reclutare alcuni piloti over 60 reduci del Vietnam.

aa3

Di nuovo MG, questa volta accanto ad un Turbo Porter.

1aa6

corrosioncity

Sulle attivita’ di volo svolte durante le riprese di Air America ci si potrebbe quasi scrivere un libro. Ad esempio la storia dietro al “Corrosion City”, un particolare Turbo Porter ottenuto da rottami! Se volete saperne di piu’, cliccate sul seguente link:

http://airportjournals.com/tom-danaher-not-an-average-pilot/

aa44f90

vlc81

Gene Ryack e Billy Covington e l’onnipresente C-123. Le riprese di Air America durarono dall’Ottobre 1989 al Febbraio 1990.

Le location interessate furono ben 49, tutte ubicate fra Thailandia, Regno Unito e Stati Uniti.

aa49043

“Se non si può ridere della guerra, a che serve combattere!” 

Lavorare con Mel Gibson fu una delle due ragioni che portarono RDJ ad accettare il copione di Air America. L’altra fu il lauto compenso.

uz

“Excuse me, is that an uzi?”

lzhot4Una LZ bollente

58574Nel 1968 uno Huey dell’Air America fu protagonista di uno degli abbattimenti aerei piu’ bizzarri della storia. Vi dice niente Lima 85?

aa4

“Testa o Croce?”

Questa e’ la scena in cui i due protagonisti vengono abbattuti a bordo di uno Huey e finiscono per effettuare un hard landing sopra la foresta del Laos infestata dai guerriglieri comunisti.

5858474585178

aa344ff

“Run Through the Jungle”
Huey fra le montagne del Laos (Thailandia per la verita’)

34dtkmm9

Cheeeeese!

aa5

“Pushing too hard”

Il regista Robert Spottiswoode istruisce la troupe durante le prime riprese a Los Angeles. Notare il Bell 47 della stazione radio KLCA pilotato da Billy Covington (Downey Jr.)

vlc1

Bell 47J Ranger in volo sopra Los Angeles.

vlc2

Hollywood, dove i sogni diventano realta’.

vlc3

Il traffico losangelino nell’ora di punta

vlc4

Trucks of my Tears

vlc6

vlc7

Billy Covington, prima di finire a trasportare capre e oppio nel Laos, lavorava come pilota di elicotteri per una nota emittente radiofonica di Los Angeles. Ed era un gran cazzone 🙂

aa6

“Gimme Shelter”
Il protagonista imbarca controvoglia rifugiati laotiani durante una delle scene finali.

aa44

“Noi non ci troviamo qui, quindi questo non e’ mai successo”
Altro aereo andato in fumo.

hs748

Una vera rarita’: un aereo di linea regionale Hawker Siddeley HS.748. Questo esemplare porta la livrea della Royal Air Lao, compagnia aerea laotiana attiva dal 1962 al 1976. In realta’ la RAL non ha mai avuto in dotazione questo velivolo. L’esemplare che vedete era infatti thailandese. In Thailandia l’HS.748 e’ stato in servizio presso le compagnie  Bangkok Airways e Thai Airways Company, cosi’ come nella Royal Thai Air Force.

senatorefregacazzi

Il Senatore Fregacazzi scende dalla scaletta dell’HS.748

vlc444

Il Corrosion City fu assemblato proprio per girare questa scena.

ddo9

kkiji

c47858

aa349

L’arrivo di Billy Covington a bordo di un C-47

aadf3

Bird Dogs!

“Do It Again”

aa4f90

Dentro un Bell 206

posteraa22

aa343

“Rescue Me”
Giro panoramico legato ad una corda alla panza di un Bell 206.

Questa scena fu girata da RDJ senza ausilio di controfigure.

ddo33

lk585

c123dd

condomhorsesDi chi e’ questo?
(citazione dotta)

aa4ef23333

L’arrivo a terra del povero Billy Covington. Sullo sfondo: Bell 206, C-47, Hughes TH-55 e Huey.

th55TH-55 e Bird dogs.

turboporter33r

Monaco “benedice” il Turbo Porter di Ryack

56582

2252

Attore dal solido background teatrale, Ken Jenkins e’ uno dei caratteristi statunitensi piu’ apprezzati e versatili degli ultimi decenni. Sebbene lavori nel settore cinematografico e televisivo sin dal 1974, il buon Jenkins ha raggiunto la fama solo negli anni 2000 grazie alla popolare (e da me molto amata) serie tv Scrubs, dove per nove stagioni ha vestito magistralmente i panni del cinico e reazionario Dr. Kelso. In Air America interpreta invece Donald Lemond, un ex Maggiore dell’US Air Force passato alle operazioni aeree della CIA nel Laos.

fregacazzi3Il senatore Fregacazzi con Lemond. Sullo sfondo un UH-1H laotiano

orqqlx8c

Coppia di UH-1 della Reale Aeronautica Laotiana. Il primo monta un deviatore di scarico per la turbina conosciuto anche come toilet bowl. Questo accessorio fu introdotto nei primi anni settanta con l’apparizione dei Manpads tipo Strela.


[RetroTech] Delta Force in Laserdisc

Questo e’ un post che fara’ arrapare l’indomito Marco Serale’s (si, col genitivo sassone) e di conseguenza bagnare le sue belle mutandine rosa griffate NORINCO.

Ladies and Gentlemen, ecco il Laserdisc da 12″ del famigerato “Delta Force” con Chuck Norris e Lee Marvin, uno dei film guerrafondai piu’ maranza degli anni ottanta. Un film, che se lo riproduci al contrario, potrai ascoltare il discorso di Ronald Reagan sull’Impero del Male pronunciato nel Marzo 1983 a Orlando.

E poi c’e’ la motocicletta armata di lanciarazzi e mitragliatrici.

delta1

L’edizione qui proposta, la prima e unica in lingua italiana, fu pubblicata dalla egualmente famigerata Philips nel 1992. L’acquisto invece risale al 1995 o 96.

Ho scritto “famigerata” perche’ gli olandesini tendevano a realizzare dischi qualitativamente mediocri, per non dire peggio. Non solo questi cornuti si servivano frequentemente di (aaargh) master VHS, ma raramente si curavano del corretto rapporto d’immagine. L’audio invece non era malaccio, specialmente con le codifiche piu’ recenti in Stereo/Dolby Surround.

Meno male che in Italia c’erano anche la Pioneer e la Columbia.

Comunque sia, a dispetto delle numerose pecche, i disconi Philips rimanevano sempre meglio delle videocassette. Insomma, almeno le caratteristiche audio-video non si deterioravano con il passare del tempo, avevi la comoda suddivisione in capitoli e non dovevi riavvolgere il nastro fetente a fine visione.

delta2

Digital Sound LPCM; CLV, PAL, suddivisione in capitoli, cazzi e mazzi. Si, peccato fosse in 4:3 Pan&Scan, laddove la pellicola originale esibiva un aspect ratio di 1.85:1.

delta3

12 pollici di puro piacere riflettente 🙂


The Thing

thething

La Cosa (The Thing) e’ forse il film di John Carpenter che preferisco. In questa foto di produzione della Universal vediamo il Bell 206 JetRanger con “scarponi” della spedizione Norvegese in volo sopra le distese antartiche. Lo stesso elicottero viene usato durante il film anche con le insegne dell’U.S. Antarctica Research Program.

P.S. : notevole il disclaimer! 🙂

Un paio di screenshots tratti dal blu-ray

norge206

jetnorge


[Video] Buffalo Soldiers – scena del tank

La spassosa scena del tank americano in giro a fare danni per le strade di una citta’ tedesca. Il film e’ ambientato nel 1989, alla vigilia esatta della caduta del Muro di Berlino.

Note: impossibilitata ad ottenere M1A1 Abrams dall’US Army (questa clip dovrebbe darvi un’indizio del perche’, lol), la produzione fu costretta a prendere in prestito alcuni Leopard 1A5 1A1A2 ex-Bundeswehr. Impagabile l’anarco-beetle “spiaccicata” 🙂


The Duke and the Hueys

thedukehueys

John “the Duke” Wayne immortalato durante le riprese del film Green Berets (1968). Vi diro’, a me Il Duca non dispiace, ma questo film e’ davvero un pezzo di propaganda e retorica della peggior specie. Almeno fosse propaganda alla John Milius. Macche’. Pensate che quando fu proiettato ai soldati americani in Vietnam, fu accolto da risa e schiamazzi. In effetti, l’unico motivo per cui lo guardo e’ l’hardware militare: tutti quegli Huey, M151 e Armalite nuovi di trinca sono bellissimi! Oh, si, dimenticavo la “ballata” del SSgt Barry Sadler.