Articoli con tag “cinema

[VIDEO] 007 e il primo Huey italiano

huey007

Durante le riprese di On her Majesty’s Secret Service (1969), sesto capitolo della saga di James Bond, la produzione si servi’ di svariati elicotteri. Le sequenze aeree piu’ emozionanti sono senza ombra di dubbio quelle dell’attacco al rifugio di Blomfeld (Telly Savalas) a cui parteciparono tre Agusta-Bell 204B. I primi due, matricole HB-XCG e HB-XCQ, appartenevano ad una societa’ Svizzera, la famosa Heliswiss, mentre il terzo, l’LN-ORZ, era norvegese. Un dettaglio che pochi conoscono riguarda l’HB-XCG. Questo esemplare, acquistato dalla Heliswiss nel 1967, era in origine immatricolato I-AGUG. Per chi non lo sapesse, l’I-AGUG fu in assoluto il primo Huey a volare in Italia! Il 10 Maggio 1961, presso la sede delle Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta di Cascina Costa (VA), il collaudatore Ottorino Lancia iniziava infatti i primi voli di collaudo con questo modello di elicottero. La lunga saga degli Huey italiani inizio’ proprio con l’I-AGUG. Dal 1961 al 1973 l’Agusta costrui’ 243 AB204 sia per il mercato nazionale, che per l’export. A questi segurono centinaia di AB 205, AB 212 e AB 412.

note2

L’I-AGUG ripreso a Farnborough il 10 Settembre 1966, quando era ancora di proprieta’ italiana


[Video] Leviathan – teaser

 


Immagine

Steal This Board

stsb


RIP Robin Williams (1951-2014)

gmv

Ebbene, l’improvvisa scomparsa dell’attore Robin Williams mi ha lasciato un certo senso di tristezza. Avendolo seguito sin dai primissimi anni di vita nella serie TV “Mork&Mindy“, con Williams se ne va un pezzo della mia infanzia. Tante le pellicole in cui ho avuto modo di apprezzare grazie anche alle sue interpretazioni: “Good Will Hunting“, “Good Morning Vietnam“, “L’Attimo Fuggente“, “Cadillac Man“, “Risvegli“, “Alladin“, “La Leggenda del Re Pescatore“, “Mrs. Doubtfire“, “Piume di Struzzo“, “One Hour Photo“, “L’Uomo Bicentenario” e “Boulevard” (che ho visto recentemente in una proiezione in anteprima). Ora che ci penso, anche nei film piu’ scrausi e strampalati (non pochi ad essere onesti) riusciva a mettermi di buon umore o a colpirmi per la sua prorompenza ed espressivita’. Nella foto: Williams nei panni dell’aviere e DJ Adrian Cronauer in “Good Morning Vietnam” (1987), il film che lo lancio’ nel firmamento dei big di Hollywood.

PS: lo so che adesso su siti, blog e social network vi stracceranno la minchia con citazioni da “L’Attimo Fuggente”. Io, in modo piu’ bifolco, rispondo con:



[ English ]

So long Robin


RIP Mickey Rooney (WAS: The Bridges at Toko-Ri)

mickey77

In memoria del piccolo, grande Mickey Rooney, scomparso il 6 Aprile scorso a 93 anni, di cui ben 91 (!) passati sotto i riflettori. L’inarrestabile Rooney ne I Ponti di Toko-Ri interpretava Mike Forney, un goliardico e casinaro pilota di elicotteri SAR Sikorsky HO3S-1 (S-51) della U.S. Navy. Proprio la settimana scorsa mi stavo riguardando il suddetto film in DVD, chiedendomi che fine avesse fatto questo attore e comico americano, diventato popolare durante la Golden Age di Hollywood. Beh, ho scoperto con mio grande stupore che ha continuato a lavorare nel cinema sino a pochi mesi fa. Un vero stakanovista.

So long, Mickey.

mickey2

Una locandina tedesca, con  William Holden e Mickey Rooney mentre si allontanano dall’S-51 danneggiato dal fuoco dei Nordcoreani

mickey

Double M1, Like a Boss!


Air America – scatti e musiche dal set

aaposter

THE FEW, THE PROUD, THE TOTALLY INSANE

Turbo Porter, C-123 Provider, C-46, S-58T, Huey, Bird Dog, HS.748 sono gli aeromobili che in questo film la fanno da padrone. Per gli appassionati di aviazione, stanchi dei soliti aerei da combattimento, Air America (1990) rappresenta un interessante diversivo, anche per via del soggetto, unico nel panorama dei film bellici ambientati durante il lungo conflitto del Sud Est Asiatico. Certo, non la possiamo definire una pellicola di pregio, ma le sequenze aeree, i panorami mozzafiato e la strepitosa colonna sonora (Aerosmith, Fontella Bass, Steely Dan, The Seeds etc) rendono il tutto piuttosto godibile. Almeno se siete dei bocca buona come il sottoscritto 🙂

aa1

I piloti di Air America: da sx:

Gene Ryack (Mel Gibson); Saunders (David Bowe); O.V. (Marshall Bell); Neely (Art La Fleur); Babo (Tim Thomerson); Billy Covington (Robert Downey Jr.) e Pirelli (Ned Eisenberg). Sullo sfondo possiamo notare un Fairchild C-123 Provider.

welclaosLadies and Gentlemen… welcome to Laos!

au23ad3Fairchild AU-23A Peacemaker. Basato sul Turbo Porter, l’AU-23 nacque in origine come aerocannoniera light nell’ambito del programma USAF Credible Chase (1971). L’armamento si componeva di un cannone gatling M197 da 20mm installato nel portellone e di vari armamenti di caduta montati su 4 punti di attacco subalari (bombe, lanciarazzi, napalm). Venti di queste macchine finirono alle Reali Forze Aeree Thailandesi.

panzadd3

Atterrare di panza comporta qualche rischio, specialemente se nelle vicinanze pascolano bufali

dkieodlOoops…

c123dwd

C-123K durante la scena girata alla immaginaria pista d’atterraggio abbandonata giapponese conosciuta come Tango 7. Questo specifico Provider fu in origine in servizio nell’US Air Force come C-123B matricola 54-0671. Radiato dall’aeronautica USA, nella seconda meta’ degli anni ’60 servi’ nell’Air America con base a Vientiane (Laos), e in seguito anche nella Reale Aeronautica Laotiana (RLAF) e nella Reale Aeronautica Thailandese (RTAF), che lo impiego’ fino agli anni ottanta. Beh, come potete vedere ha concluso la carriera con il botto 🙂

aa2

Mel Gibson ripreso dentro l’abitacolo di un C-123.

La produzione noleggio’ un totale di 26 aeromobili dalla Reale Aeronautica Militare Thailandese. Alcuni stunt pilot si rifiutarono di volare nelle scene piu’ ardite e pericolose, cosi’ dovettero reclutare alcuni piloti over 60 reduci del Vietnam.

aa3

Di nuovo MG, questa volta accanto ad un Turbo Porter.

1aa6

corrosioncity

Sulle attivita’ di volo svolte durante le riprese di Air America ci si potrebbe quasi scrivere un libro. Ad esempio la storia dietro al “Corrosion City”, un particolare Turbo Porter ottenuto da rottami! Se volete saperne di piu’, cliccate sul seguente link:

http://airportjournals.com/tom-danaher-not-an-average-pilot/

aa44f90

vlc81

Gene Ryack e Billy Covington e l’onnipresente C-123. Le riprese di Air America durarono dall’Ottobre 1989 al Febbraio 1990.

Le location interessate furono ben 49, tutte ubicate fra Thailandia, Regno Unito e Stati Uniti.

aa49043

“Se non si può ridere della guerra, a che serve combattere!” 

Lavorare con Mel Gibson fu una delle due ragioni che portarono RDJ ad accettare il copione di Air America. L’altra fu il lauto compenso.

uz

“Excuse me, is that an uzi?”

lzhot4Una LZ bollente

58574Nel 1968 uno Huey dell’Air America fu protagonista di uno degli abbattimenti aerei piu’ bizzarri della storia. Vi dice niente Lima 85?

aa4

“Testa o Croce?”

Questa e’ la scena in cui i due protagonisti vengono abbattuti a bordo di uno Huey e finiscono per effettuare un hard landing sopra la foresta del Laos infestata dai guerriglieri comunisti.

5858474585178

aa344ff

“Run Through the Jungle”
Huey fra le montagne del Laos (Thailandia per la verita’)

34dtkmm9

Cheeeeese!

aa5

“Pushing too hard”

Il regista Robert Spottiswoode istruisce la troupe durante le prime riprese a Los Angeles. Notare il Bell 47 della stazione radio KLCA pilotato da Billy Covington (Downey Jr.)

vlc1

Bell 47J Ranger in volo sopra Los Angeles.

vlc2

Hollywood, dove i sogni diventano realta’.

vlc3

Il traffico losangelino nell’ora di punta

vlc4

Trucks of my Tears

vlc6

vlc7

Billy Covington, prima di finire a trasportare capre e oppio nel Laos, lavorava come pilota di elicotteri per una nota emittente radiofonica di Los Angeles. Ed era un gran cazzone 🙂

aa6

“Gimme Shelter”
Il protagonista imbarca controvoglia rifugiati laotiani durante una delle scene finali.

aa44

“Noi non ci troviamo qui, quindi questo non e’ mai successo”
Altro aereo andato in fumo.

hs748

Una vera rarita’: un aereo di linea regionale Hawker Siddeley HS.748. Questo esemplare porta la livrea della Royal Air Lao, compagnia aerea laotiana attiva dal 1962 al 1976. In realta’ la RAL non ha mai avuto in dotazione questo velivolo. L’esemplare che vedete era infatti thailandese. In Thailandia l’HS.748 e’ stato in servizio presso le compagnie  Bangkok Airways e Thai Airways Company, cosi’ come nella Royal Thai Air Force.

senatorefregacazzi

Il Senatore Fregacazzi scende dalla scaletta dell’HS.748

vlc444

Il Corrosion City fu assemblato proprio per girare questa scena.

ddo9

kkiji

c47858

aa349

L’arrivo di Billy Covington a bordo di un C-47

aadf3

Bird Dogs!

“Do It Again”

aa4f90

Dentro un Bell 206

posteraa22

aa343

“Rescue Me”
Giro panoramico legato ad una corda alla panza di un Bell 206.

Questa scena fu girata da RDJ senza ausilio di controfigure.

ddo33

lk585

c123dd

condomhorsesDi chi e’ questo?
(citazione dotta)

aa4ef23333

L’arrivo a terra del povero Billy Covington. Sullo sfondo: Bell 206, C-47, Hughes TH-55 e Huey.

th55TH-55 e Bird dogs.

turboporter33r

Monaco “benedice” il Turbo Porter di Ryack

56582

2252

Attore dal solido background teatrale, Ken Jenkins e’ uno dei caratteristi statunitensi piu’ apprezzati e versatili degli ultimi decenni. Sebbene lavori nel settore cinematografico e televisivo sin dal 1974, il buon Jenkins ha raggiunto la fama solo negli anni 2000 grazie alla popolare (e da me molto amata) serie tv Scrubs, dove per nove stagioni ha vestito magistralmente i panni del cinico e reazionario Dr. Kelso. In Air America interpreta invece Donald Lemond, un ex Maggiore dell’US Air Force passato alle operazioni aeree della CIA nel Laos.

fregacazzi3Il senatore Fregacazzi con Lemond. Sullo sfondo un UH-1H laotiano

orqqlx8c

Coppia di UH-1 della Reale Aeronautica Laotiana. Il primo monta un deviatore di scarico per la turbina conosciuto anche come toilet bowl. Questo accessorio fu introdotto nei primi anni settanta con l’apparizione dei Manpads tipo Strela.


Alex Tavoularis e Apocalypse Now

Sul sito di Cinémathèque française ho scovato un paio di tavole realizzate per la produzione di Apocalypse Now dal leggendario Alex Tavoularis, art director, draftsman e illustratore francese. Tavoularis nel corso della sua lunga carriera ha lavorato per diversi celebri registi, ma e’ con Francis Ford Coppola che stringe il miglior sodalizio. Nelle due seguenti immagini vediamo le tavole originali dello Huey trasporto truppe (slick) e la Patrol Boat River (PBR), mezzi che grazie anche all’opera di Coppola, sono entrati a far parte dell’immaginario cinematografico.

13652

Le forze armate della Repubblica delle Filippine collaborarono volontieri prestando alla produzione aerei, elicotteri, corazzati e altri veicoli militari. L’uso degli elicotteri da parte della produzione era strettamente subordinato alle necessita’ operative delle locali forze aeree, perennemente impegnate a contrastare i ribelli del Fronte Nazionale di Liberazione Moro nelle zone piu’ calde del paese (come Mindanao). In poche parole i “frullatori” non erano sempre disponibili, o lo erano per brevi periodi, dopo di che dovevano essere prontamente riconsegnati ai militari filippini per le reali operazioni di controinsurrezione! Insomma, una guerra dentro la guerra!

13653

“Mai abbandonare la barca del cazzo”

La piccola PBR sarebbe probabilmente rimasta nel dimenticatoio, se Coppola non avesse deciso di utilizzarla nel suo film, consegnandola di fatto alla leggenda. Queste imbarcazioni in vetroresina propulse da waterjets e armate di mitragliatrici e lanciagranate, rappresentavano la colonna portante delle forze della Brown Water Navy impiegate nel pattugliamento di fiumi e canali del Delta del Mekong.

pbr

Questa e’ invece una mia vecchia tavola a colori 🙂

Spring2013DrawingBoard1

Alcuni sketch del famoserrimo attacco al villaggio.
© Alex Tavoularis, Tom Wright

bfi-00o-4d1

The Man
Lt. Col. Bill Kilgore (Robert Duvall)
1st of the 9th.