Bollettino illustrato Hughes (1980s)

bullettinhac

Di tanto in tanto la Hughes Aircraft Company pubblicava dei bollettini illustrati in b/n che sintetizzavano i traguardi della compagnia. Questo che vedete e’ dei primi anni 80 e mostra una serie di prodotti piu’ o meno conosciuti nati dei labs della HAC.

Si parte dal missile a medio raggio AIM-120 AMRAAM e dal radar APG-65 dell’F/A-18. Entrambi sono piuttosto noti e di consequenza non hanno certo bisogno di presentazioni.

Segue il computer AN/FYQ-93, un vitale apparato costruito dalla divisione di Fullerton (California) per il Joint Surveillance System (JSS), ossia la catena radar di difesa aerea che nel 1983 prese il posto dell’oramai decrepito SAGE (Semi Automatic Ground Environment), icona della guerra fredda legata al NORAD e all’Aerospace Defense Command (ADC). L’FYQ-93 a quanto mi e’ dato sapere e’ rimasto in servizio fino ad un decennio fa o poco piu’.

Uno dei core business della HAC erano i satelliti per le comunicazioni. Il Syncom 2, primo satellite ad orbita geosincrona commerciale operativo, lo aveva costruito la Hughes nel 1963 e mandato in orbita nel luglio dello stesso anno attraverso un vettore NASA Delta. Nel disegno si fa riferimento ad una non meglio specificata tecnologia di trasmissioni ad alta velocita’ che francamente ignoro.

Dulcis in fundo, viene menzionato il telemetro laser e il Thermal Imaging System (TIS) dell’M1 Abrams. Ecco, qui andrebbe detto che il TIS era si valido, ma non quanto il  Tank Thermal Sight (TTS) della Texas Instruments (designazione AN/VSG-2) montato sul piu’ anziano M60A3TTS, apparato che nella categoria era visto come uno dei massimi termini di paragone.

Perche’, qualcuno si domandera’, installarono una camera termica inferiore sull’Abrams? $$$$$$$. Vil pecunia. Il TTS era il top ma costava troppo e di Abrams ne dovevano costruire migliaia. La Hughes, per la cronaca, collaboro’ anche per l’apparato thermal del carro tedesco occidentale Leopard 2.

And that’s all folks! 🙂

2 Risposte

  1. Mihai

    Buongiorno. in wiki si legge che la Repubblica sciita persiana avrebbe gli M60A1. Per curiosità, si sono avute notizie di upgrade parallelo col TTS anche via retroingegnerizzazione? grazie

    luglio 17, 2017 alle 9:13 am

    • Aleks

      non che io sappia. I TTS non arrivarono mai all’Iran. Sono stati esportati a Spagna, Taiwan, Turchia, Bahrain, Brasile, Oman e Tailandia. Cmq di recente l’Iran ha presentato un programma di upgrade per gli A1 con corazze reattive, fire control system russo e altro. Dovrebbe chiamarsi Samsam tank. Non so molto altro pero’

      luglio 17, 2017 alle 11:55 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...