[DIAG&CUT] Il primo elicottero nato per il trasporto d’assalto

Cinquant’anni fa, mentre l’elicottero UH-1 Iroquois (aka Huey) stava iniziando a guadagnarsi i galloni in Vietnam, l’US Army aveva gia’ iniziato le procedure ufficiali per sostituirlo. Per alcuni fu uno spreco di fondi, per altri un semplice atto di lungimiranza.

Fu infatti nell’Ottobre 1965 (poco prima della famosa battaglia di Ia Drang), che l’esercito inizio’ a porre le basi per la specifica UTTAS (Utility Tactical Transport Aircraft System), che dopo la RFP del Gennaio 1972 avrebbe infine portato al prototipo dell’UH-60 Black Hawk (1974).

Pochi lo ricordano, ma il Black Hawk fu sostanzialmente il primo elicottero nato principalmente per il trasporto d’assalto, nel senso moderno del termine.

Mentre elicotteri da trasporto come lo Huey si rivelarono straordinariamente versatili, essi vantavano solo alcune caratteristiche proprie dei mezzi militari (es. affidabilita’ e funzionalita’). Il Black Hawk, al contrario, fu progettato per poter operare in scenari combat veri e propri e in modo particolare all’interno di unita’ aeromobili in missioni di trasporto d’assalto. Fu proprio in questo ruolo che l’esercito statunitense individuo’ il maggior numero di carenze negli elicotteri allora in dotazione e in particolare nell’obiquo Huey (che, vogliamo ricordarlo, nacque inizialmente come aeroambulanza).

La nuova filosofia implementata nel programma UTTAS comporto’ l’adozione di particolari caratteristiche e accorgimenti volti ad incrementarne la sopravvivenza e la tolleranza balistica, cosi’ come la manovrabilita’ e le prestazioni generali. Ma fu anche e soprattutto il massiccio impiego dell’ala rotante  durante il lungo conflitto del Vietnam, e le esperienze maturate dalle prime unita’ aeromobili (come il 1st Cav), a consigliare e indirizzare l’esercito e l’industria statunitense. Come? Attraverso la consultazione di rapporti, stastitiche, dati, fino ai famigerati faldoni contenenti le altrettanto famigerate learned lessons (che a quanto pare pochi apprendono sul serio!). Tutto materiale che fu poi utile ai team che lavorarono al programma UTTAS.

Insomma, per la prima volta il concetto di utility helicopter veniva rivisto per poter adempiere al meglio al movimento di uomini e materiali in combattimento. Non e’ un caso che nel 1971 l’US Army dichiaro’ che il vincitore del programma UTTAS avrebbe sostituito l’UH-1 prima di tutto negli allora reparti di air cavalry.

Per la cronaca, la prima unita’ ad ottenere l’UH-60 fu la 101st Airborne Division (Air Assault). Era il 1979.

Un paio di diagrammi che mostrano le principali novita’
introdotte nell’YUH-60 in termini di sicurezza e sopravvivenza.

bh40

Nota a margine: avere due motori, in gondole separate dalla cellula, e ben distanti fra loro, incrementa le chances di sopravvivenza. Questa sistemazione venne usata anche nell’AH-64 Apache.

uh402

Qui invece un bel Cutaway dell’UH-60A di produzione

uh60a_cutaway

[ CLICK TO ENLARGE ]

3 Risposte

  1. Ecco perché, molto probabilmente, non vedremo mai un S-70 in versione civile, magari offshore o VIP. Ha senso, dopotutto: è stato progettato proprio per impieghi militari, sarebbe illogico…e per gli impieghi civili, la Sikorsky può offrire i suoi S-76 in varie motorizzazioni, volendo.

    luglio 27, 2015 alle 8:14 pm

    • Aleks

      Gli unici utenti non militari dell’S-70 appartengono a vigili del fuoco, ministeri, polizie e cosi’ via. Di civile ci sarebbe la FireHawks helicopters (Florida).

      luglio 28, 2015 alle 11:27 am

      • Si infatti…VIP e offshore o eliambulanza non li vedremo mai, appunto perché già la Sikorsky, per questi altri compiti, offre l’S-76

        luglio 28, 2015 alle 2:16 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...