Chinook Gunner’s Office

gunnerschinook

No, e’ che l”altro giorno un mitragliere (door gunner) veterano del Vietnam mi ha raccontato di quanto fosse stato traumatico, a un certo punto del suo tour of duty, il trasferimento dai CH-47A agli UH-1C. Ovvero,  passare da un ambiente relativamente protetto e spazioso ad uno angusto e completamente in balia degli elementi. L’UH-1C era uno Huey (model 204) espressamente configurato per il ruolo gunship e percio’ privo delle due postazioni con gli affusti del sottosistema M23, presenti invece sugli UH-1D/H da trasporto (model 205). In assenza di tali affusti, le mitragliatrici M60 venivano semplicemente appese a corde elastiche (bungee cord) al tetto della cabina e quindi imbracciate durante l’uso.  Il tutto con i portelloni completamente aperti, magari sparando restando in piedi sui pattini. Non che la cosa dispiacesse ai giovani gunner alla ricerca di forti emozioni, beninteso.

Free_Door_Gunner

I mitraglieri non solo godevano di una visuale eccezionale e di una superiore situational awareness, ma potevano rinfrescarsi aggratis e sfuggire temporaneamnte all’opprimente calura del Sud Est Asiatico. Certo, c’erano anche i lati negativi. Come gia’ menzionato, il mitragliere era completamente esposto agli elementi, alla polvere, al rumore e, ovviamente, alle pallottole nemiche. L’unica reale protezione contro i proiettili erano le “chicken plate“, ossia delle particolari vest di nylon contenenti due piastre balistiche estraibili, una sul torace e l’altra sul dorso. Erano indumenti protettivi utili contro i Kalashnikov o le SKS (cal. 7,62×39), ma il solo pensiero di essere presi di mira da mitragliatrici pesanti tipo DShK (12,7×108)  faceva letteralmente accartocciare i testicoli dalla strizza (parole testuali del mitragliere di cui sopra)🙂

Parlando invece della foto che vedete all’inizio del post, essa e’ stata diffusa dal PAO della 2nd Infantry Division e mostra la postazione dei door gunner dei nuovi CH-47F (acquisiti fra l’altro anche dall’Esercito Italiano). Gli odierni Foxtrot sono macchine decisamente piu’ capaci e potenti degli Alpha che arrivarono con il 1st Cav ad An Khe nel 1965, ma in quanto a spazio interno è rimasto tutto come prima (grazie al cielo!). L’unica cosa che e’ cambiata sono le armi: le M60 sono state infatti sostituite dalle piu’ affidabili M240, designazione statunitense della leggendaria FN Mag belga.

Anche per il mitragliere di coda le cose sono rimaste le stesse.

rampgunner

Cinemascope. Vero 3D🙂

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...