Gli ultimi Mustang militari yankee

chasing

E non parlo degli Enforcer sperimentali a turbina (che peraltro non furono mai adottati), ma dei Mustang dell’esercito stratunitense con motore a 12 Cilindri. L’U.S. Army Aviation fu infatti una delle ultime forze aeree a volare con il celeberrimo purosangue progettato dalla North American nel 1940.

Per la precisione si trattava dei meno noti, ma egualmente interessanti Cavalier Mustang. Fra gli anni ’60 e ’70 questi aerei furono disponibili sia come vecchi P-51 completamente ricondizionati, oppure come nuove macchine ricostruite. In entrambi casi la ditta coinvolta era la Trans-Florida Aviation di Sarasota (Florida), fondata dall’editore e appassionato di aviazione David B. Lindsey Jr. Quest’ultimo nel 1956 entro’ nel business dei Mustang civili acquistando otto F-51D ex Royal Canadian Air Force (RCAF) da convertire in aerei biposto privati executive. I prezzi nel 1959 andavano – a seconda dell’allestimento – dai 18 mila ai 32.500 dollari. Qualche anno piu’ tardi, nel 1963, la Trans-Florida Aviation inizio’ ad occuparsi anche del ricondizionamento dei vecchi Mustang delle piccole aviazioni dell’America Latina, come ad esempio quelli della Fuerza Aérea Dominicana.

civiliancavaliers

Nel 1967 la societa’ fu ridenominata Cavalier Aircraft Corporation e in breve tempo espanse ulteriormente le attivita’ grazie all’introduzione di nuove versioni per impieghi militari e COIN, come i Cavalier F-51D e TF-51D (a doppio comando) e il Cavalier Mustang II, che rispetto al primo aveva un motore piu’ potente (V-1650-724A da ca. 1800 hp), nuove radio, un’ala irrobustita con otto punti di attacco, due serbatoi alle estremita’ alari e un secondo seggiolino per un eventuale osservatore (immutato l’armamento base, ossia sei mitragliatrici pesanti calibro 0.50). Il Cavalier F-51D e il Mustang II catturarono immediatamente l’interesse del Pentagono, che inizio’ ad acquistarne in piccoli quantitativi per conto di paesi amici e alleati nell’ambito di programmi di aiuti militari come il MAP (Military Assistance Program). Queste macchine andarono alle forze aeree di Bolivia (Project Peace Condor), El Salvador, Guatemala e Indonesia (Project Peace Pony).

L’U.S. Army dal canto suo ricevette un totale di tre esemplari: due Cavalier F-51D biposto (matricole 68-15795 e 68-15796) ricostruiti partendo da vecchie cellule, e un singolo P-51D-25NA ex USAF (44-72990) ed ex RCAF (9283), che dopo essere stato radiato e venduto come aeromobile civile (N6322T), fu ricondizionato dalla stessa Cavalier e infine consegnato all’U.S. Army, che gli assegno’ la matricola 0-72990.

Il 0-72990 fu proprio il primo Mustang preso in consegna dall’esercito, che all’epoca necessitava di un chase plane “pepato” per accompagnare il veloce elicottero d’attacco sperimentale Lockheed YAH-56A Cheyenne durante i voli di collaudo presso Edwards AFB (California). Si scopri’, infatti, che i T-28 Trojan e gli U-21 Ute normalmente adibiti a tale scopo avevano problemi a seguire il Cheyenne in determinate situazioni (esempio durante le repentine accelerazioni). L’U.S. Army fu talmente soddisfatto dal Mustang, che ordino’ alla Cavalier due nuovi F-51D da basare a Fort Rucker (Alabama), sede e scuola dell’aviazione dell’esercito.

Benche’ disarmati, gli F-51D dell’Army erano molto simili ai Cavalier Mustang II da combattimento. Esteriormente, le caratteristiche che balzavano immediatamente agli occhi erano i due serbatoi alle estremita’ alari e la deriva ingrandita tipo P-51H. Nel ruolo di chase plane, il secondo seggiolino era occupato da un cameraman che manovrava una telecamera montata su uno speciale supporto girostabilizzato in grado di assicurare immagini stabili in ogni condizione. Oltre alle attivita’ di accompagnamento, gli F-51 dell’esercito furono impiegati anche in simulazioni di combattimenti aria-aria contro lo stesso Cheyenne (ignoro comunque gli esiti di tali scontri :-))

Ecco alcune belle immagini dei Cavalier dell’U.S. Army

P51army

p51army2

p51army3

p51army5

I due Cavalier F-51D matricole 68-15795 e 68-15796

p51army6

p51army8Qui invece abbiamo un paio di foto del F-51D #0-72990.

p51edw

p51edw2

Mustang in compagnia di alcuni F-15 Eagle usati per test ad Edwards AFB

ah56army

Il motivo per il quale l’U.S. Army compro’ i Mustang: il Lockheed AH-56 Cheyenne. Le caratteristiche di velocita’ e manovrabilita’ di questo elicottero compound richiesero un chase plane dalle superiori prestazioni.

*    *    *

Con la soppressione del programma Cheyenne, avvenuta nel 1972, le attivita’ di volo dei Cavalier si concentrarono verso altri ruoli, sopratutto nell’ambito di test di equipaggiamenti ELINT e di comunicazione. L’US Army rese altresi’ disponibili le macchine per altri clienti. Gli F-51D matricola 68-15795 e 96, ad esempio, furono presi in prestito dall’U.S. Marine Corps per una serie di test con armamenti avvenuti al poligono di NAS China Lake (California) nel periodo 1973/74. Per l’occasione i Marines sostituirono i serbatoi alle estremita’ alari con due cannoni senza rinculo M40A1 da 105mm!

f51chinalake

Altre informazioni purtroppo non ne ho. Posso solo dirvi che i Mustang dell’esercito USA furono ritirati definitivamente dal servizio fra il 1975 e il 1978 e che i tre esemplari finirono nei seguenti musei, tutti ubicati negli States:

US Army Aviation Museum, Ozark (Alabama)
Qui si trova il 0-72990, con i colori, insegne e marche originali. A quanto ne so, questo F-51 non e’ esposto in un’area accessibile al pubblico (dovrebbe essere conservato in un apposito hangar assieme ad altri aeromobili dell’esercito).

Minnesota Air National Guard Museum, St. Paul (Minnesota).
Al MANGM e’ esposto il 68-1595. Questo Mustang porta i colori e le insegne della ANG del Minnesota.

USAF Armament Museum, Eglin AFB (Florida)
A Eglin e’ conservato Il 68-1596. L’aereo e’ stato riportato alle sembianze di un F-51D postbellico. Le insegne sono USAF, mentre la matricola e’ 41-3571.

Tutti e tre si possono considerare in buono/ottimo stato di conservazione.

2 Risposte

  1. Giorgio

    Fantastico! Non credevo proprio che fossero sopravvissuti fino agli anni settanta!
    Levami una curiosità: ma il mustang con i due cannoni a cosa serviva?

    ottobre 7, 2013 alle 1:04 am

    • Aleks

      Mah, secondo Stephen Harding nel suo libro sugli aeromobili dell’US Army, i Marines dovevano testare l’aereo contro fortificazioni.

      ottobre 7, 2013 alle 7:33 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...