Nano UAV in Afghanistan

bh33

L’ufficio stampa del MoD britannico ha fatto sapere che dallo scorso anno le truppe di Sua Maesta’ stanno impiegando Nano UAV ad ala rotante. Nano nel vero senso della parola, perche’ parliamo di un minuscolo elicottero che misura appena 10 cm di lunghezza per 2 di larghezza e con un peso di 16 grammi. Il suo nome e’ Black Hornet ed e’ stato progettato e costruito dalla norvegese Prox Dynamics e ordinato dal MoD su contratto della compagnia britannica Marlborough Communications.

Il Black Hornet e’ equipaggiato con una microtelecamera orientabile in grado di trasmettere immagini sia in full motion che fisse (ossia video e snapshots). Alimentato da una batteria interna ricaricabile, il BH puo’ restare in volo per 30 minuti fino ad una distanza di 1000 metri (800 secondo il MoD). I comandi vengono impartiti attraverso un controller collegato ad uno schermo LCD a colori (vedere foto in basso) e ad un’unita’ di controllo dal peso complessivo di 1 kg. Il sistema di guida puo’ essere visuale (con monitor) oppure GPS. E’ fornito inoltre di autopilota e di una funzionalita’ che permette all’utente di pianificare la rotta o di avvalersi di pattern di volo e ricerca automatici o preimpostati. Naturalmente l’unita’ di controllo e’ interfacciabile a computer, reti e altre periferiche.

Nonostante le dimensioni, il MoD assicura il buon funzionamento in condizioni difficili e in presenza di vento. Il contratto con le forze armate del Regno Unito prevede la consegna di 160 unita’ complete ad un costo complessivo di 20 milioni di sterline (23.3 mil. di Euro). Non proprio a buon mercato, anche se va detto che il pacchetto comprende anche supporto, addestramento e parti di ricambio.

E’ la prima volta che un esercito schiera operativamente questa particolare classe di UAV e potete star certi che non sara’ l’ultima. Indubbia peraltro l’utilita’ nel Tactical ISR in real time: pensate alla perlustrazione di aree poste dietro angoli, muri o altri ostacoli, oppure per l’ispezione di edifici o ancora, chesso’, per spiare qualche bella ragazza da dietro le finestre al terzo piano🙂 beh,  come avrete capito le possibilita’ sono quasi infinite.

bh22

bh11

Il sistema completo con Black Hornet, schermo LCD, controller e unita’ di controllo

bh44

bh66

bh55

Provincia di Helmand, Afghanistan – Il Sergente Scott Weaver dei Queen Royal Lancers fa entrare in azione il piccolo Black Hornet durante l’operazione QALB  (Crown Copyright)

Una Risposta

  1. Myollnir

    Se i prezzi sono questi, avrei da vendergli qualche set di decals della RAF, provenienti da kit Airifix e Revell, da applicare sulle fusoliere, per un centinaio di sterline a modello. Per un migliaio di sterline a pezzo sono anche disposto ad aerografargli una livrea mimetica. Offro uno sconto se mi ci fanno anche giocare, però.
    BTW, perché non lo chiamano Mosquito?

    febbraio 5, 2013 alle 3:40 pm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...